Le attività devono essere adeguatamente documentate e la documentazione rilasciata dall’ente erogante deve contenere:

1) gli estremi indicativi dell’Ente che lo emette (nome, attività, ragione sociale, ecc…); il documento deve essere in carta intestata dell’ente erogatore;

2) gli estremi indicativi del soggetto richiedente e la sua eventuale qualifica rispetto all’organizzazione (socio, allievo, ecc…);

3) la descrizione sommaria dell’attività;

4) la durata della partecipazione (espressa in giorni, mesi, anni) con esplicita indicazione se tale partecipazione è stata continuativa oppure saltuaria;

5) l’impegno profuso (espresso in ore/giorno, ore/mese, giorni/anno, ecc…) indicando uno o più valori medi, le mansioni svolte e il contributo fornito;

7) le esperienze maturate nello svolgimento di tali compiti;

8) eventuali forme di progresso nella responsabilizzazione della vita associativa.

Altre news

Seconda tranche di lavori per il progetto “Apriti seSAMo!
Progetto “Apriti seSAMo!”