“Prima dell’incidente praticava la pallavolo: nel novembre 2007, a 18 anni, è stata investita da un’auto mentre guidava il suo motorino. L’incidente le è costato l’amputazione della gamba sinistra attraverso il ginocchio. Tre anni dopo ha cominciato a praticare atletica. È stata la prima donna a scendere sotto i 15” sui 100 metri T42. Ha l’abitudine di dare un nome alle proprie protesi: Berta è quella con cui cammina, Cheeta quella che usa per correre.”

Questa, ma non solo questa, è Martina Caironi, campionessa paralimpica ai giochi di Londra 2012 e di Rio 2016 sui 100m piani,  che i ragazzi di seconda e terza media hanno incontrato questa mattina a scuola. Un incontro umanamente importante, quello con Martina, che partendo dalla sua esperienza ha spiegato come sia cambiata la sua vita e di come sia riuscita a raggiungere i suoi obiettivi, come ha affrontato gli ostacoli che ha incontrato lungo il suo percorso di vita e della grande forza d’animo che l’ha aiutata a superarli.

Incontro con Martina Caironi

Martina fa parte del Team degli Ambasciatori dello Sport Paralimpico del Comitato Paralimpico Italiano nato con la finalità di promuovere i valori e gli ideali dello sport paralimpico sul territorio nazionale al fine di diffondere la cultura della “diversità” nella nostra società.

Altre news

Lezione con esperto di Posturologia
Alla scoperta della Bologna medievale
Miniolimpiadi 2019